Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Cancellati riferimenti a Khodorkovsky e a Berezovsky

Russia: Putin cancella dai libri di storia i suoi nemici


Russia: Putin cancella dai libri di storia i suoi nemici
01/11/2013, 17:45

MOSCA (RUSSIA) - A quanto pare, in Russia certe abitudini non si perdono mai. Subito dopo la Seconda Guerra Mondiale, i libri degli storici russi non menzionavano mai il generale Vlassov, che nel 1942 passò ai tedeschi e comandò una divisione ucraina delle SS. Dopo la morte di Stalin, tutti i suoi uomini vennero cancellati dalle foto ufficiali fatte con Kruscev e gli altri che ne presero il posto. 
Oggi governa Putin, ma le cose non sono cambiate. E così, nel manuale di storia (unico per tutte le scuole russe dagli Urali al Mar del Giappone) sono stati cancellati i nomi di due nemici di Putin, Mikhail Khodorkovsky e Boris Berezovsky. Il primo è stato uno dei più importanti industriali russi, proprietario della società petrolifera Yukos ed ora in carcere per evasione fiscale e appropriazione indebita, mentre la Yukos è stata assorbita dalla Gazprom. Il secondo è morto lo scorso marzo, dopo essere scappato a Londra per sfuggire all'ira di Putin, dopo essere stato il più grosso oligarca dell'era Eltsin. Nel libro, secondo quanto anticipato, si dovrebbe arrivare al 2012, dove saranno menzionate - si assicura - sia le manifestazioni a favore che quelle contro Putin. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©