Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Putin minaccia di bloccare l'afflusso di gas per l'Europa

Russia: si avvicina l'inverno e riesplode la guerra del gas


Russia: si avvicina l'inverno e riesplode la guerra del gas
02/11/2009, 10:11

MOSCA - Le cose avvengono con una sequenza sconcertante nella sua ripetitività temporale: appena arriva l'inverno, Putin comincia a pretendere (a torto o a ragione) soldi dall'Ucraina per le forniture di gas, minacciando altrimenti di tagliare le forniture. Minacce che più volte sono state rese esecutive, costringendo l'Europa ad intervenire, sostenendo finanziariamente l'Ucraina, per lo più. Questo dal 2004, cioè da quando l'Ucraina, con la rivoluzione arancione, si allontanò dalla servitù politica verso la Russia.
E anche quest'anno il copione non sembra essere diverso: Vladimir Putin ha scritto una lettera al Primo Ministro svedese (la Svezia in questo periodo ha la presidenza semestrale dell'Unione Europea) in cui accusa il premier ucraino Victor Yushenko di non voler pagare i conti per le forniture di gas.
In realtà, come sempre, c'è il tentativo di riprendere il controllo politico dell'Ucraina e di evitare che la Nato inglobi il Paese. La crisi è aggravata dal fatto che l'Europa - stufa di questo stillicidio ogni inverno - sta cercando di trovare altre fonti di approvviggionamento di gas nei Paesi dell'ex URSS che ne dispongono e in Africa. E questo rischia di diminuire il potere intimidatorio della Russia.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©