Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Russia, sventato piano per uccidere Putin

Arrestati due attentatori, lo avrebbero ucciso il 4 marzo

Russia, sventato piano per uccidere Putin
27/02/2012, 10:02

Le forze speciali russe e ucraine hanno sventato un attentato nei confrotni di Vladimir Putin. La notizia arriva dall’agenzia di stampa “Itar-Tass” e dal portavoce del governo, Dmitri Peskov. Due militanti sono stati arrestati nella città di Odessa: avrebbero dovuto uccidere Putin alla vigilia delle elezioni presidenziali per 4 marzo. Secondo la ricostruzione, nell’appartamento in cui i due si trovavano, il 4 gennaio c’era stata un’espolosione, che aveva provocato la morte di uno degli attentatori. Da li sarebbero scattati interrogatori e indagini, secondo i quali gli attentatori sarebbero arrivati in Ucraina dagli Emirati Arabi Uniti, su ordine del ceceno Doku Umarov, capo della guerriglia che lotta per la costituzione di un emirato nel Caucaso russo. “Ci hanno detto di venire prima a Odessa a imparare a costruire ordigni e poi di andare a Mosca per compiere attentati contro obiettivi commerciali e provare ad assassinare Putin",ha dichiarato uno dei due. Quanto alle elezioni presidenziali, per Putin la riconferma dovrebbe essere molto semplice: i sondaggi lo danno oltre il 60%.

Commenta Stampa
di Maria Grazia Romano
Riproduzione riservata ©