Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Si tratta di Alexey Lavalny, avvocato e blogger

Russia: un avversario di Putin messo agli arresti domiciliari


Russia: un avversario di Putin messo agli arresti domiciliari
28/02/2014, 17:53

MOSCA - C'è uno strano destino che riguarda gli avversari politici di Putin: appena hanno un minimo di successo, subito vengono condannati per qualche reato. 

E così questa volta è toccato ad Alexey Lavalny, avvocato, blogger e uno dei leader del fronte anti-Putin. E' stato messo agli arresti domiciliari dal Tribunale di Mosca nell'ambito dell'inchiesta per una truffa ai danni della società Yves Rocher: avrebbe sottratto 590 mila euro alla filiale russa della società francese, più altri 90 mila ad un'altra società. Finora aveva solo l'obbligo di firma e il divieto di allontanarsi da Mosca, ma il Tribunale ha ritenuto che fossero misure insufficienti. Gli è stato imposto anche di non vedere nessuno al di fuori della propria famiglia, di non usare Internet e di non parlare al telefono con nessuno. 

Navalny venne condannato nel 2013 in primo grado (il processo di secondo grado dovrà essere celebrato tra poco) a 5 anni di reclusione con la condizionale, con l'accusa di appropriazione indebita nella compravendita di legname. Poi nei giorni scorsi è stato colpito da una sanzione amministrativa e l'arresto per 7 giorni per aver partecipato ad una manifestazione non autorizzata. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©