Dal mondo / America

Commenta Stampa

Ma non ci sono prove di fatti concreti

Russiagate: confermata l'interferenza russa nelle elezioni americane


Russiagate: confermata l'interferenza russa nelle elezioni americane
18/04/2019, 17:52

WASHINGTON (USA) - Il Dipartimento di giustizia ha pubblicato il cosiddetto "rapporto Mueller", cioè il resoconto delle indagini condotte dal procuratore speciale Robert Mueller sul cosiddetto Russiagate. Un resoconto di 448 pagine che si può sintetizzare con la frase detta dal Ministro della Giustizia William Barr: la Russia ha interferito con le elezioni americane ma non ci sono prove di una collusione con il presidente Donald Trump e con il suo staff. Stessa cosa per le accuse di interferenza con le indagini: ci sono almeno 10 episodi accertati, ma in nessuno di essi ci sono le prove per accusare Trump. Anche se Mueller nel suo rapporto specifica che non ci sono neanche prove per scagionarlo. 

Nel rapporto ci sono anche alcune curiosità, come per esempio la reazione di Trump quando l'allora Ministro della Giustizia Jeff Session (poi sostituito da Barr) gli comunicò la nomina di Mueller. "O mio Dio. È terribile. Questa è la fine della mia presidenza. Sono fottuto", disse Trump. 

I democratici protestano perchè il rapporto è stato presentato come una vittoria di Trump, e quindi con una forte distorsione politica. E la speaker della Camera Nancy Pelosi ha chiesto che Mueller venga chiamato a testimoniare davanti al Congresso

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©