Dal mondo / Giappone

Commenta Stampa

Sovranità in dubbio dal 1945, la Cina manda navi da guerra

Sale la tensione tra Cina e Giappone per isole contese


Sale la tensione tra Cina e Giappone per isole contese
11/09/2012, 09:03

ISOLE SENKAKU/DIAOYU (GIAPPONE/CINA) - Si riaccende la contesa tra Cina e Giappone per un gruppo di isolotti, chiamate in giapponese Isole Senkaku e in cinese Diaoyu. Sono isolotti disabitati, situati a sud del Giappone, ma vicini alle coste cinesi; ma sono ricchi di pesce e probabilmente nel sottosuolo nascondono giacimenti di gas naturale. Facevano parte dei territori che il Giappone conquistò alla Cina durante la guerra cino-giapponese del 1894-1895, e che rimasero al Giappone dopo il trattato del 1896. Dopo la sconfitta giapponese nella Seconda Guerra Mondiale, fecero parte dei territori sottoposti ad amministrazione fiduciaria degli Stati Uniti e poi restituiti definitivam,ente al Giappone nel 1972 con il trattato di San Francisco. Un trattato che però la Cina non ha mai riconosciuto, sostenendo che la sconfitta giapponese del 1945 aveva fatto decadere il loro controllo sulle isole. Per questo da allora ci sono gesti di rivendicazione della proprietà delle isole. Per esempio ad agopsto scorso un gruppo di cittadini cinesi sbarcarono sugli isolotti, ma vennero subito arrestati. La Cina poi pretese il loro rilascio e in patria furono accolti come degli eroi. Il Giappone rispose trasferendo sulle isole un gruppo di cittadini e di politici giapponesi. E ora la Cina ha mandato due navi da guerra, due pattugliatori, che, tecnicamente parlando, hanno violato lo spazio marino del Giappone, avvicinandosi a meno di 12 miglia dagli isolotti. Quale sarà la mossa del Giappone?

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©