Dal mondo / Africa

Commenta Stampa

Guerriglia interreligiosa: nuovi incidenti a Jos

Sangue in Nigeria. Scontri cristiani-musulmani: 22 morti

Oltre le vittime anche i feriti: tra questi un militare

Sangue in Nigeria. Scontri cristiani-musulmani: 22 morti
02/09/2011, 09:09

JOS (NIGERIA) – Fonti del locale obitorio hanno riferito di essersi visti recapitare 22 cadaveri: è proprio questo, infatti, il bilancio delle vittime dei nuovi scontri interreligiosi che ancora una volta hanno sconvolto la città di Jos, nella Nigeria centrale. Giovani cristiani e musulmani ancora una volta si sono scontrati e questa volta i disordini, nei quali sono rimaste coinvolte anche le forze di sicurezza, hanno avuto luogo nella zona di Dusu Uku, un quartiere già in passato teatro di violenti incidenti. Secondo quanto è stato riportato da diverse agenzie di stampa, oltre alle 22 vittime ci sarebbe anche un numero non indifferente di feriti, tra cui anche un militare.
Non è la prima volta che la nigeriana città di Jos diventi scenario di vere e proprie guerriglie tra bande religiose diverse. Proprio lunedì scorso, infatti, nella stessa città, analoghi scontri tra bande di giovani cristiani e musulmani avevano provocato 13 morti e non si esclude che quanto accaduto in queste ultime ore sia collegato a quei fatti. Jos, infatti, è una città situata nella cosiddetta ‘Middle Belt’ che separa il sud cristiano dal nord musulmano del Paese africano. Sebbene gli scontri, sempre più frequenti, appaiano motivati da differenze religiose, le reali radici del conflitto, stando però a ciò che affermano attenti osservatori, sono da ricercare nella cattiva amministrazione del territorio, che continua a provocare un aspro malcontento popolare. Al di la di tutto, però, sta di fatto che quest’ultima ondata di violenza urbana si aggiunge a una situazione di crisi della sicurezza nigeriana, che non sembra trovare pace.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©