Dal mondo / America

Commenta Stampa

Aperta una inchiesta perchè si cercava di nascondere i costi

Sarah Palin continua a fare la star: contratto d'oro per un discorso


Sarah Palin continua a fare la star: contratto d'oro per un discorso
16/04/2010, 10:04

CALIFORNIA - Una nuova tempesta mediatica colpisce l'ex candidata repubblicana alla vicepresidenza Sarah Palin, che sta cercando di farsi conoscere in tutti gli Stati, almeno come oratrice. Ed è una delle più apprezzate, con cachet che possono arrivare a 100 mila dollari. Sta anche cercando di accreditarsi come esempio del "mood" conservatore ed anti-statalista, soprattutto in questo momento di crisi. Ma la sua immagine viene colpita da piccoli scandali che stanno scoppiando. L'ultimo riguarda il discorso che lei deve tenere il prossimo 25 giugno alla California State University Stanislaus. Infatti due studenti, indirizzati da una voce, hanno trovato in un cassonetto della spazzatura un documento in cui si elencano i benefits concessi alla Palin per tenere questo discorso: biglietti aerei di prima classe dall’Alaska alla California o, in alternativa, un jet privato, a condizione che "sia un Lear 60 o più grande"; una suite in un hotel di lusso, registrata sotto un nome di copertura, più due camere doppie non lontane; due bottiglie d’acqua minerale non gassata ancora sigillate sotto il leggio, con due cannucce pieghevoli; e via elencando. Su questo fatto è stata anche aperta una inchiesta; non sulla Palin (ognuno è libero di farsi pagare quello che riesce ad ottenere), ma sulla università. Infatti esiste negli Usa una legge sulla trasparenza che non consente alle fondazioni di tenere segreto il come spendono i loro soldi. E poichè questo incontro con la Palin è finanziato dalla Fondazione Stanislaus, una organizzazione no-profit legata all'ateneo, questi segreti possono costituire una volazione della legge.

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©