Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Il Capo dello Stato francese si schiera contro i sindacati

Sarkozy: 'Nessuna marcia indietro su pensioni'


Sarkozy: 'Nessuna marcia indietro su pensioni'
08/09/2010, 18:09

PARIGI - Il presidente francese, Nicolas Sarkozy, dichiara di non voler fare alcuna marcia indietro sull'innalzamento dell'età minima pensionabile da 60 a 62 anni.
Davanti al consiglio dei ministri, riunito oggi a Parigi, il Capo dello Stato francese ha dichiarato: "Non prevediamo di cedere su questo argomento. Lavorare un pò di più è la strada più ragionevole". Inoltre Sarkozy ha detto che chiederà ai ministri di fare degli aggiustamenti che dovrebbero riguardare i lavori pesanti e chi ha iniziato a lavorare molto giovane. Ma i leader sindacali hanno minacciato già un'escalation dopo gli scioperi andati in scena contro l'innalzamento dell'età pensionabile da 60 a 62 anni. A fare eco alle sue dichiarazioni è Xavier Bertrand, leader del partito Ump di Sarkozy, che afferma: "Quando qualcuno dice che la riforma deve essere ritirata..è semplicemente impossibile". Il Capo dello Stato è pronto, dunque, a fare delle concessioni su aspetti non fondamentali, ma non cederà ai sindacati su quella che viene considerata la riforma simbolo della sua presidenza.

Commenta Stampa
di Tiziana Casciaro
Riproduzione riservata ©