Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Ex tesoriere ammette di aver consegnato contanti al premier

Scandalo a Madrid, Rajoy riceveva soldi in cambio di appalti

"Difenderò la stabilità politica" ribatte Rajoy

Scandalo a Madrid, Rajoy riceveva soldi in cambio di appalti
15/07/2013, 17:28

MADRID-  L'ex tesoriere del Partido Popular, Luis Barcenas, lunedì avrebbe ammesso di aver consegnato contanti nel 2008,2009 e 2010, per un totale di 25.000€ in quell'anno, al premier Mariano Rajoy, leader della formazione di centro-destra a cui appartiene il Partido Popular, e alla numero due del partito, la segretaria Maria Dolores de Cospedal, dopo aver negato per lungo tempo.

Una tangentopoli spagnola questa che potrebbe mettere in crisi il governo di Madrid. Le cifre coinvolte nello scandalo farebbero parte di un tesoretto che Barcenas, fidatissimo contabile del partito che aveva il massimo controllo su qualsiasi questione economico-finanziaria, aveva racimolato dagli imprenditori in cambio di appalti.

I socialisti e la piazza della capitale spagnola in tumulto rivendicano la testa di Rajoy chiedendo, se non le elezioni, un altro premier.

"Difenderò la stabilità politica e completerò il mandato che mi è stato affidato dal popolo spagnolo" ha dichiarato il premier spagnolo, il quale in una conferenza stampa ha aggiunto: " Lo Stato di diritto non cede ai ricatti" "qui c'è un governo stabile".

Naturalmente qualora dovessero risultare confermate le accuse contro Rajoy, sarebbe davvero molto difficile restare in piedi senza cadere.

Commenta Stampa
di Flavia Stefanelli
Riproduzione riservata ©