Dal mondo / America

Commenta Stampa

Dopo aver scontato 6 anni in prigione passa ai domiciliari

Scandalo Abu Ghraib: rilasciato primo prigioniero

Le accuse: violenza sessuale, fisica, psicologica...

Scandalo Abu Ghraib: rilasciato primo prigioniero
07/08/2011, 10:08

 

WASHINGTON – Viene scarcerato dalla prigione militare di Fort Leavenworth e trasferito ai domiciliari il soldato Charles Graner, il primo dei militari Usa ad essere stato condannato per le umiliazioni inflitte ai detenuti iraqueni nella prigione di Abu Ghraib a Baghdad. Il soldato americano, con altri soldati della sua unità, venne arrestato e accusato di: cospirazione al maltrattamento, abbandono del dovere, violenza sessuale, fisica, psicologica, sui prigionieri di guerra. Riconosciuto colpevole di tutte le accuse il 14 gennaio 2005, venne condannato a 10 anni di detenzioni nel carcere di Fort Leavenworth e congedato con disonore, oltre alla decadenza della retribuzione e delle indennità. Nel processo l'avvocato difensore Guy Womack sostenne che Graner e le altre guardie di Abu Ghraib avessero semplicemente eseguito l'addestramento impartito dall'esercito per far confessare i prigionieri, infatti in alcune foto pubblicate dai giornali si notò che i soldati usarono una tecnica di tortura, (dove il prigioniero è sospeso in aria con le mani dietro la schiena e viene frustato più volte), approvata dall' amministrazione Bush per gli interrogatori. Lo scandalo della prigione di Abu Ghraib, divenne di dominio pubblico soltanto alla fine dell' Aprile 2004, quando le cronache internazionali iniziarono a mostrare immagini che mostravano detenuti coperti di sangue e feci, umiliati sessualmente, minacciati dai cani e attaccati ad elettrodi. Secondo un rapporto della Croce Rossa Internazionale le autorità statunitensi erano al corrente dell'accaduto fin dalla primavera del 2003 , motivo per il quale l'amministrazione Bush ha dovuto esprimere davanti alla nazione e alla comunità internazionale, per bocca del ministro della difesa Donald Rumsfeld, pubbliche scuse per l'accaduto. Oggi il carcere Abu Ghraib è stato completamente ristrutturato ed ammodernato, oltre ad essere ribattezzato con il nome di Baghdad Central Prison.



 


 


 




 

Commenta Stampa
di Zaccaria Pappalardo
Riproduzione riservata ©