Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

L'Italia avrebbe fornito informazioni all'intelligence Usa

Scandalo Datagate, possibile coinvolgimento dell'Italia

C'è il rischio che si incrinino i rapporti Ue-Usa

Scandalo Datagate, possibile coinvolgimento dell'Italia
30/06/2013, 14:15

Secondo Wayne Madsen , un ex agente della marina americana che ha lavorato per 12 alla National Security Agency, anche l’Italia sarebbe coinvolta nello scandalo Datagate, in quanto farebbe anche essa parte dei sette paesi dell’Ue che hanno collaborato con gli Stati Uniti nella raccolta di dati personali in base ad accordi di intelligence internazionali. Le rivelazioni di Madsen sono comparse ieri sera su internet in un articolo del Guardian, ma il quotidiano britannico ha rimosso l’articolo dal web – la pagina web risulta sospesa – perché le informazioni, inattendibili secondo alcuni, sono in attesa di “verifica”. Secondo il Telegraph, infatti, alla base della rimozione dell’articolo ci sarebbe l’inaffidabilità della fonte, Wayne Madsen, lo stesso uomo che tempo fa sostenne che il presidente americano Barack Obama fosse gay. Le accuse avanzate da Madsen, tuttavia, sono ancora rintracciabili da Google e inoltre l’articolo del Guardian è uscito in edicola.

Come dichiarato dal presidente del Parlamento europeo, Martin Schulz, c’è il rischio a causa dello spionaggio della Nsa si incrinino i rapporti tra Unione Europea e Stati Uniti. “Sono allibito. Se lo spionaggio della Nsa sull'Europa rivelato dai documenti di Snowden venisse confermato, sarebbe inaccettabile”, ha affermato il vicepresidente del Parlamento europeo, Gianni Pittella. “Verranno chieste immediate spiegazioni – ha continuato Pittella, dopo essersi consultato con il presidente Schulz – e che c'è il rischio che il rapporto tra Ue e Usa si incrini”.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©