Dal mondo / Australia

Commenta Stampa

Pedofilia nelle caserme: un sistema che dura da mezzo secolo

Scandalo forze armate in Australia: nonnismo sessuale

Dagli anni ’50 ad oggi sono 850 i casi di abusi accertati

Scandalo forze armate in Australia: nonnismo sessuale
15/06/2012, 14:06

SYDNEY - Un nonnismo che si trasforma in veri e propri terribili abusi sessuali: è bufera sulle forze armate australiane, coinvolte in uno scandalo che vede vittime le giovani reclute, anche quelle di appena 13 anni. A far venire alla luce tutto è stato un rapporto governativo divulgato integralmente dall’emittente pubblica Abc: da questo, infatti, è emerso che in Australia gli abusi sessuali sotto le armi sarebbero all’ordine del giorno. Cosa ancora peggiore è che questo squallido sistema durerebbe a partire dagli anni ’50 e sarebbe sempre stato “tollerato” dai superiori delle forze armate stesse: oltre all’impunità garantita ai colpevoli, gli ufficiali australiani avrebbero alimentato “una cultura di ostilità” verso le vittime che denunciavano gli abusi, sostiene, infatti il rapporto. Solo a partire dagli anni ’50 ad oggi sono 850 i casi di abusi accertati.
ll primo ministro Julia Gillard ha definito il caso “profondamente angosciante” e ha ventilato la possibilità di istituire una commissione d’inchiesta pubblica, anche alla luce delle reticenze del ministro della Difesa, Stephen Smith. Inizialmente Smith aveva diffuso solo alcuni estratti dell’indagine governativa partita lo scorso anno in seguito a un episodio di “nonnismo sessuale” in una caserma, evitando di precisare a quali periodi si riferissero gli abusi. Ma ora che la televisione ha descritto i dettagli della vicenda, si è scoperto che si tratta di pratiche tollerate per più di mezzo secolo e che, quando l’età minima per il reclutamento non era ancora stata innalzata a 17 anni, vide coinvolti pure ragazzini di 13 anni. Nel rapporto governativo si parla anche di casi di vittime che si trasformarono successivamente in violentatori e di testimonianze secondo cui gli abusi subiti potevano servire a fare carriera.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©