Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Gb, Stephenson avrebbe usufruito di una vacanza a Londra

Scandalo intercettazioni, si dimette capo di Scotland Yard


Scandalo intercettazioni, si dimette capo di Scotland Yard
17/07/2011, 21:07

LONDRA - Lo tznumani dovuto alle intercettazioni fuorilegge che sta travolgendo l’Inghilterra sembra non placarsi. Dopo la notizia dell’iscrizione nel registro degli indagati di James Murdoch, e l'arresto Rebekah Brooks, pupilla del magnate australiano, Rupert Murdoch, Sir Paul Stephenson, capo di Scotland Yard, si è dimesso, travolto dallo scandalo che da giorni campeggia ormai sulle principali prime pagine del pianeta. Il capo della polizia britannica avrebbe usufruito con la moglie di un soggiorno in un centro benessere di lusso vicino Londra. Il soggiorno, del costo complessivo di circa 13.700 euro sarebbe stato pagato da Neil Wallis, ex vicedirettore del tabloid 'News of the World', uno degli indagati nello scandalo intercettazioni.

ARRESTATA BROOKS - Oggi intanto la polizia di Londra ha arrestato Rebekah Brooks, costretta l'altro ieri a dimettersi dalla carica di amministratore delegato di News International, la filiale britannica del gruppo di Murdoch (News Corp).
Brooks, 43 anni, è stata arrestata intorno a mezzogiorno dopo che si era presentata a un commissariato di Londra su richiesta della polizia. La donna è sospettata di associazione a delinquere per intercettazioni e di corruzione, ha precisato Scotland Yard in un comunicato. Nonostante Murdoch l'abbia difesa fino all'ultimo, la 'rossa' Brooks ha lasciato il suo posto due giorni fa, constatando che l'intera classe politica britannica chiedeva la sua testa. Prima di diventare ad di News International, Brooks aveva diretto il News of the World, il tabloid al centro dello scandalo.

Commenta Stampa
di Davide Gambardella
Riproduzione riservata ©