Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Almeno stando alle stime dell'Osservatorio Siriano

Scontri in Siria: a metà giornata già 45 i morti, per lo più civili


Scontri in Siria: a metà giornata già 45 i morti, per lo più civili
25/07/2012, 16:47

A meta' giornata sono gia' 45 i morti accertati in Siria a causa dei combattimenti tra lealisti e ribelli e della repressione scatenata dal regime nei confronti dei dissidenti, veri o presunti. Lo ha denunciato l'Osservatorio Siriano per i Diritti Umani, organizzazione dell'opposizione in esilio con sede in Gran Bretagna, secondo cui la maggior parte delle vittime erano semplici civili. Lo stesso gruppo ha diffuso via Internet un macabro filmato, realizzato nella provincia centrale di Hama, nel quale si vedono una coppia e i loro due bambini, che avevano cercato di fuggire dal villaggio di Qalat al-Madiq sotto intenso bombardamento governativo, letteralmente maciullati dalle schegge dei proietti. Sempre stando all'Osservatorio, il bilancio delle persone uccise ieri in tutto il Paese e' frattanto salito ad almeno 158, tra cui 31 soldati, tredici ribelli e ben 114 civili, senza contare le vittime del tentativo delle forze di sicurezza di stroncare la rivolta in corso da giorni nel carcere di Homs.

Commenta Stampa
di Veronica Riefolo
Riproduzione riservata ©