Dal mondo / Africa

Commenta Stampa

I miliziani Toubou hanno piazzato i loro cecchini in città

Scontri tribali in Libia: sono 25 i morti


Scontri tribali in Libia: sono 25 i morti
27/03/2012, 16:03

TRIPOLI - È salito a 25 morti e 80 feriti il bilancio delle violenze tribali in corso da domenica notte a Sebha, nella Libia centro meridionale, tra i residenti e i membri della tribù Toubou. Solo oggi i combattimenti nel centro della città hanno causato cinque morti e una trentina di feriti. Da stanotte, hanno fatto sapere fonti ospedaliere, c’è stato un continuo arrivo di morti e feriti. Gli scontri hanno preso il via domenica nella zona dell’aeroporto, dopo l’uccisione di un residente di Sebha, al quale alcuni miliziani Toubou volevano portare via la macchina. Ieri da Tripoli, il viceministro dell’Interno Amar al-Khadrawi aveva ventilato l’ipotesi di inviare sul posto una delegazione del ministero della Difesa per mediare tra le parti. Oggi, hanno rivelato alcuni testimoni, forze governative si sono scontrate con i miliziani Toubou, che hanno piazzato i loro cecchini in vari punti della città. Negli ultimi mesi, in analoghi scontri tribali decine di persone erano rimaste uccise nella provincia sud-occidentale di Al-Kufra. Oltre cinque mesi dopo aver preso il potere in Libia dopo la morte di Muammar Gheddafi, il Consiglio nazionale transitorio (Cnt) non riesce ancora a controllare l’azione degli innumerevoli gruppi di guerriglieri.

Commenta Stampa
di AnFo
Riproduzione riservata ©