Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

SCONTRO DIPLOMATICO BOLIVIA-USA


SCONTRO DIPLOMATICO BOLIVIA-USA
29/09/2008, 16:09

L'amministrazione degli Usa, su richiesta del Presidente Bush, ha chiesto di sospendere a tempo indeterminato i benefici accordati ai prodotti esportati dalla Bolivia agli Stati Uniti, nell'ambito del programma Atpdea, attuato esclusivamente per i paesi andini ed in vigore dal 1991.
Secondo alcuni esperti, la misura sarebbe un chiaro segno di vendetta nei confronti del Presidente boliviano Evo Morales, che ha recentemente disposto l'espulsione dell'ambasciatore statunitense colpevole, a suo dire, di aver fomentato proteste nei suoi confronti a favore dei prefetti delle zone ricche del paese.
La notizia non ha sorpreso il modo politico americano.
Secondo alcuni analisti le richieste degli Usa sono legittime oltre che ovvie. Differenti, invece, i commenti provenienti da La Paz, dove la notizia è stata presa con una certa sofferenza e dove c'è la reale preoccupazione per la perdita di decine di migliaia di posti di lavoro. E intanto dallo scorso 17 settembre la Bolivia è considerata uno dei Paesi che non ha raggiunto gli obiettivi internazionali per la lotta contro la produzione e il traffico di sostanze stupefacenti.

Commenta Stampa
di Serena Grassia
Riproduzione riservata ©