Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Intanto l’Iran si offre come mediatore tra i due Paesi

Scontro Turchia-Siria: oggi ne discute la Nato a Bruxelles

Al centro della diatriba l’abbattimento del caccia turco

Scontro Turchia-Siria: oggi ne discute la Nato a Bruxelles
26/06/2012, 11:06

BRUXELLES - Gli ambasciatori dei 28 Paesi membri della Nato si riuniscono per consultazioni stamane a Bruxelles sull’abbattimento del caccia turco da parte delle forze siriane, venerdì scorso: ascolteranno la versione di Ankara, che comunque non ha richiesto una reazione concreta da parte dell’Alleanza. La Nato valuterà la situazione alla luce delle informazioni disponibili e sicuramente, secondo fonti diplomatiche, darà il suo sostegno all’alleato turco. Ankara, dal canto suo, sosterrà la versione adottata fino ad oggi: ovvero che l’aereo si trovava nello spazio aereo internazionale, e non in quello siriano come il governo di Damasco afferma.
Intanto, mentre sale lo scontro diplomatico tra i due Paesi, l’Iran si è offerto di mettere a disposizione i suoi buoni rapporti con Damasco e Ankara per contribuire ad abbassare la tensione dopo l’abbattimento di un F-4 turco. Si tratta di una questione “molto delicata” che riguarda anche Teheran, ha spiegato il portavoce del ministero degli Esteri iraniano. “Useremo i nostri buoni rapporti con i due Paesi per risolvere la questione”, ha aggiunto Ramin Mehmanparast, incontrando i giornalisti nell’appuntamento settimanale con la stampa. Il funzionario iraniano si è augurato che i Paesi che giocano un ruolo-chiave nella regione siano in grado di contenere le conseguenze dell’incidente.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©