Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Non è stato emesso alcun allarme tsunami

Scossa di magnitudo 6,8 nelle Filippine. Morto un bambino


Scossa di magnitudo 6,8 nelle Filippine. Morto un bambino
06/02/2012, 09:02

MANILA (FILIPPINE) - Una scossa di terremoto di magnitudo 6,8 della scala Richter è stata registrata oggi alle ore 11,49 (le 4,49 in Italia) nelle Filippine, nell'arcipelago delle isole Visayas. Secondo i rilievi del Servizio geologico degli Stati Uniti (Usgs) il sisma ha avuto ipocentro a 46,6 chilometri di profondità ed epicentro ad una settantina di chilometri dalle due isole di Negros e Bohol.

Anche se il terremoto che ha colpito oggi il Paese è stato molto più intenso di quello di sabato scorso, di magnitudo 5,6, il centro di allerta tsunami del Pacifico, con sede alle Hawaii, non ha emesso alcun allarme tsunami. Tuttavia è stato in ogni caso raccomandato agli abitanti dell'isola di Negros di allontanarsi dalla costa e di fare attenzione ad eventuali variazioni del livello del mare.

Le Filippine, che si trovano sul cosiddetto "anello di fuoco del Pacifico", un'area ad elevata attività sismica e vulcanica, vengono colpite frequentamente da terremoti. Quello di oggi, purtroppo, ha provocato la morte di un bambino, come ha riferito il capo della protezione civile Benito Ramos. Il bambino è stato schiacciato da un muro crollato nel centro di Negros, vicino all'epicentro del sisma. La scossa ha mandato in frantumi i vetri di alcuni edifici e ha provocato crepe nei muri nelle due città di Cebu (sull'isola di Cebu) e San Carlos (sull'isola di Negros), diffondendo il panico tra gli abitanti.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©