Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

SEQUESTRATO IN AUSTRALIA IL PIU’ GROSSO QUANTITATIVO DI ECSTASY AL MONDO


SEQUESTRATO IN AUSTRALIA IL PIU’ GROSSO QUANTITATIVO DI ECSTASY AL MONDO
08/08/2008, 15:08

La polizia federale australiana ha eseguito 16 arresti in quattro diversi stati dell’Australia, nei confronti di altrettante persone coinvolte in quello che è già stato definito il più grande sequestro di ecstasy al mondo: 4,4 tonnellate di pasticche, per un valore di 264 milioni di euro, sono state rinvenute all’interno di oltre 3000 barattoli di conserve di pomodori, in un container giunto via mare a Melbourne dall’Italia nel giugno 2007. Gli inquirenti hanno anche portato alla luce una vasta operazione di riciclaggio di denaro, per quasi 30 milioni di euro, che sarebbero stati usati per pagare la droga. Il comandante della polizia federale Mick Keelty ha reso noto che nell’operazione sono stati impiegati 400 agenti, e raid sono stati effettuati anche in Belgio, Olanda e Italia, che hanno portato al sequestro di circa 500 mila euro. Secondo fonti locali, per sgominare il traffico di ecstasy gli agenti avrebbero fatto incursione anche all’interno di alcuni edifici collegati alla ‘ndragheta calabrese, tra cui l’appartamento del presunto boss del traffico di anfetamine Pasquale Barbaro a Griffith, un centro rurale dove risiede una nutrita comunità di origine calabrese. Soddisfatto dell’esito dell’operazione è stato il ministro della Giustizia australiano Robert McLelland, in quanto essa proverebbe che l’Australia non è un paese lo spaccio droga può avvenire impunemente:  “Speriamo che una simile immagine sia stata definitivamente cancellata” – è stato il suo commento.
 

Commenta Stampa
di Francesca Pellino
Riproduzione riservata ©