Dal mondo / Africa

Commenta Stampa

In Sudafrica è caccia all'uomo che ha postato le foto

Shock su Facebook: uccide bimbi neri e li espone come trofei


Shock su Facebook: uccide bimbi neri e li espone come trofei
28/08/2011, 20:08

ROMA – Caccia serrata in queste ore in Sudafrica, all’uomo che per la stampa di mezzo mondo è diventato “il giustiziere dei bambini di colore”.  A far scattare l’allarme, la foto pubblicata su un social network che ritrae un ragazzo bianco sorridente e con un fucile in mano: ai suoi piedi un bambino di colore, che sembra morto e viene esibito come un trofeo di caccia. L’immagine shock è stata pubblicata il 24 giugno scorso su Facebook sul profilo di "Eugene Terrorblanche", alias che è anche il nome di un leader dell'estrema destra sudafricana assassinato l'anno scorso.

Come riporta il quotidiano spagnolo El Mundo, la polizia sudafricana sta attivamente ricercando la persona che ha pubblicato la foto, la cui veridicità non è stata peraltro accertata: ma anche se si trattasse di un fotomontaggio la legge prevede che il responsabile possa finire in carcere.

Il profilo di Eugene Terrorblanche lo descrive come un imprenditore al quale piacciono la musica afrikaans, i Simpson e le armi, bianche o da fuoco: conta 588 "amici" che non hanno criticato in alcun modo la foto ma hanno anzi in qualche caso espresso commenti favorevoli; anche per costoro è possibile un'incriminazione per complicità in reato di matrice razzista.

Commenta Stampa
di Davide Gambardella
Riproduzione riservata ©