Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

Kroell sospettato di depistaggio

Si è suicidato l'ispettore che indagava sul caso Kampusch


Si è suicidato l'ispettore che indagava sul caso Kampusch
30/06/2010, 09:06

E' morto Franz Kroell, 58 anni, l'ispettore di polizia incaricato delle indagini sul sequestro di Natascha Kampusch. Si è suicidato con un colpo di pistola alla testa, probabilmente per le pressioni vissute a causa degli errori commessi dalle forze dell'ordine. Kroell, infatti, ha dovuto affrontare nel corso degli anni numerose commissioni per spiegare il motivo della scarsa qualità delle indagini sulla scomparsa di Natascha Kampusch. La ragazza dall'età di dieci anni venne segregata da Wolfgang Priklopil in una cantina per otto lunghi anni. Dopo la sua fuga avvenuta nel 2006, il suo aguzzino si tolse la vita, gettandosi sotto un treno. Kroell negli ultimi tempi era affetto da una forte depressione. L'accusa delle autorità austriache nei confronti dell'ispettore era di depistaggio per coprire una rete di pedofili. Attualmente Natascha Kampusch si sta dedicando alla scrittura della sua autobiografia dal titolo "3096 giorni". Il produttore e sceneggiatore Bernd Eichinger,invece, già conosciuto per il film "La caduta" vuole raccontare sul grande schermo l'orrore vissuto dalla ragazza. Kate Winslet potrebbe vestire i panni della protagonista, ma l'attrice smentisce.

Commenta Stampa
di Claudia Peruggini
Riproduzione riservata ©