Dal mondo / America

Commenta Stampa

L'uomo aveva 68 anni e stava lavorando al sequel del film

Si lancia da un ponte Tony Scott, il regista di 'Top gun'

Nell'auto è stato trovato un biglietto d'addio

Si lancia da un ponte Tony Scott, il regista di 'Top gun'
20/08/2012, 09:23

LOS ANGELES (STATI UNITI) - Un volo da un ponte nei pressi di Los Angeles ha segnato la fine del regista di 'Top Gun', Tony Scott. L'automobile dell'uomo è stata trovata parcheggiata sul Vincent Thomas Bridge. Verso le ore 12:30 locali, Tony Scott, fratello del regista Ridley, si è lanciato in acqua ed è morto. Il suo corpo è stato recuperato dalle forze dell'ordine due ore e mezza dopo l'accaduto. La notizia è stata confermata dal tenente Joe Bale, responsabile di turno dell'ufficio del coroner. Bale ha detto che l'ipotesi più probabile è quella del suicidio, l'autopsia fornirà ulteriori dettagli.
Tony Scott aveva 68 anni, una moglie e due gemelli. Ha diretto alcuni film come 'Top gun' nel 1986, 'Giorni di tuono' nel 1990, 'Allarme rosso' nel 1995 e 'Dèjà vu' nel 2006. La sua ultima pellicola è stata 'Unstoppable' nel 2010, che ha incassato 130 milioni di dollari. Secondo una prima ricostruzione del triste epilogo della sua vita, Scott ha parcheggiato la sua automobile, una Toyota Prius sul ponte, ha scavalcato la rete di sicurezza ed è saltato giù. Gli investigatori hanno anche trovato nell'automobile un biglietto nel quale il regista ha scritto che voleva farla finita. Tony Scott si è suicidato a pochi giorni dalla notizia filtrata dal jet set, in cui si diceva che stava lavorando a un sequel di 'Top gun' con Tom Cruise.

Commenta Stampa
di Emanuele De Lucia
Riproduzione riservata ©