Dal mondo / Europa

Commenta Stampa

SINGAPORE, MAGNATE RICEVE RENE DA MAFIOSO CONDANNATO A MORTE


SINGAPORE, MAGNATE RICEVE RENE DA MAFIOSO CONDANNATO A MORTE
10/01/2009, 09:01

A un ricchissimo uomo d'affari di Singapore è stato trapiantato un rene che, stando al quotidiano in lingua inglese 'The Straits Times', era stato prelevato a un ex capo della locale mafia cinese, impiccato ieri per l'omicidio di un complice. Il malvivente, Tan Jor Chin di 42 anni detto 'il Drago Orbo' perché cieco dall'occhio destro, prima di essere messo a morte aveva incaricato la propria compagna di autorizzare la donazione dei suoi organi, e le ultime volontà sono state rispettate: non appena il mafioso è stato giustiziato si è provveduto all'espianto del rene, e quindi all'immediato trapianto sul donatore, il 56enne Tang Wee Sung, proprietario tra l'altro di uno dei più lussuosi grandi magazzini della città-Stato asiatica, frequentatissimo dai turisti. Lo stesso magnate lo scorso settembre era stato condannato a un giorno simbolico di carcere, più una multa dall'ammontare pari a oltre 10.000 euro, per aver tentato di acquistare un rene da un immigrato indonesiano, ricompensato con un importo all'incirca equivalente, facendolo passare per un lontano parente. Tang era da tempo costretto alla dialisi perché affetto da diabete e da complicanze cardio-respiratorie.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©