Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Si tratta dell’amico e alleato del presidente, Manaf Tlass

Siria: è giallo sul fedelissimo di Assad fuggito in Turchia

Intanto oggi a Parigi la riunione del gruppo "Amici"

Siria: è giallo sul fedelissimo di Assad fuggito in Turchia
06/07/2012, 10:07

DAMASCO - La notizia non è stata ancora confermata, ma qualora dovesse essere vera significherebbe solo una cosa: tempi duri per il presidente siriano Bashar al-Assad, che ieri avrebbe perso il suo più fedele alleato e amico. Si tratta di Manaf Tlass, che alcune fonti danno in fuga in Turchia. Il generale di brigata Tlass, afferma il sito Syriasteps citando “alte fonti degli apparati di sicurezza”, è fuggito quando ha avuto la certezza che gli apparati di Intelligence lo avrebbero arrestato per presunte attività contro il regime. Qualora la notizia dovesse essere confermata, si tratterebbe della defezione più importante nel regime siriano, di un fatto destabilizzante per Damasco, vista la storia del generale Manaf Tlass. Si tratta, infatti, dell’uomo più vicino al presidente Assad dall’inizio della crisi, legato a lui da un’amicizia che risale ai tempi della gioventù e da speciali relazioni familiari. Intanto, la Siria attende la riunione di oggi a Parigi del gruppo “Amici del popolo siriano”, che appare minata fin dall’inizio dal boicottaggio di Russia e Cina, mentre nuove divisioni sono emerse in seno all’opposizione siriana, con il leader curdo Assad Sherkoh Abbas che in una intervista al giornale turco Hurriyet ha accusato il Consiglio Nazionale Siriano, principale piattaforma dell’opposizione, di puntare a istituire un regime “islamico”.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©