Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Intanto 300 osservatori disarmati andranno nel Paese

Siria: 14esimo round di sanzioni. Colpito il lusso di Assad

Nel mirino i comfort del presidente e della moglie Asma

Siria: 14esimo round di sanzioni. Colpito il lusso di Assad
23/04/2012, 18:04

BRUXELLES – I ministri degli Esteri dell’Unione europea hanno dato il via libera al nuovo pacchetto di sanzioni, il quattordicesimo per l’esattezza, contro il regime siriano. Ad essere colpito questa volta è lo stile di vita della coppia Assad: si tratta del presidente siriano Bashar al-Assad e della moglie Asma. Le nuove misure punitive, infatti, comprendono il divieto di import di beni di lusso per la Siria, come anche restrizioni ancor più severe sulla vendita di prodotti utilizzabili nella repressione contro i dissidenti. Dopo avere imposto l’embargo petrolifero e di armi, avere colpito 126 persone e 41 società, avere preso misure contro la banca centrale e l’export di metalli preziosi e i voli merci, l’Ue ha deciso di colpire nello specifico il presidente siriano e la moglie: il primo dovrà rinunciare al caviale e ai vini di alta qualità, la seconda, invece, grande appassionata di moda, dovrà rinunciare alle borse Vuitton e alle scarpe Loboutin.
Queste nuove sanzioni hanno di sicuro un valore simbolico e arrivano dopo lo scandalo venuto fuori dai contenuti di tremila mail, intercettate e rese pubbliche il mese scorso, che illustravano gli svaghi di Asma e quelli del marito nonostante il bagno di sangue in cui è precipitato il paese siriano. Questo nuovo pacchetto giunge dopo che nel fine settimana il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha approvato, all’unanimità, una risoluzione che consente l’invio di 300 osservatori disarmati in Siria, per monitorare il cessate il fuoco previsto dal piano di pace Annan. La decisione di bloccare l’import siriano di beni di lusso ha un solo precedente: quello verso la Corea del Nord. Contro il regime di Pyongyang, infatti, l’Europa ha adottato nel 2006 una serie di sanzioni che prevedono un embargo sulle “armi e i materiali connessi”, i materiali “legati alla tecnologia nucleare e balistica” e su tutti i “prodotti di lusso” (tartufo, caviale, vini di alta qualità, borse e scarpe di alta moda, cristalli e perfino cavalli di razza).

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©