Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Papa Francesco scrive a Vladimir Putin

Siria, al G20 si discute del probabile intervento militare americano


Siria, al G20 si discute del probabile intervento militare americano
05/09/2013, 17:33

Il conflitto siriano è il tema principale del G20 di San Pietroburgo. Nel pomeriggio, infatti, i leader mondiali si sono riuniti per discutere del probabile intervento militare americano e delle riforme da adottare per ridare slancio all’economia globale.
Altro elemento importante quanto insolito di questo G20 è la missiva che papa Francesco ha scritto al presidente russo Vladimir Putin, in veste di presidente del G20, per chiedere ai leader mondiali di agire per "evitare nuove sofferenze" al popolo siriano.
Bergoglio, infatti, intende comunicare con i leader per tentare di promuovere una soluzione diplomatica al conflitto siriano ma la notizia del Clarin secondo cui avrebbe telefonato a Bashar al-Assad è stata smentita dalla Santa Sede.
Il G20 non prevede più il faccia a faccia tra Putin e Obama a causa della questione legata al concesso asilo da parte della Russia a Edward Snowden, implicato nella vicenda dell'Nsagate
Ma non solo. Alcuni dei maggiori attivisti russi per i diritti umani, infatti, hanno rinunciato a incontrare il presidente Usa Barack Obama in programma proprio in occasione del vertice G20 a San Pietroburgo.
L’incontro pare esser stato annullato a causa dei continui cambi di data
Esponenti storici del dissenso come Liudmila Alexeieva, Lev Ponomarev o Svetlana Gannushkina hanno rifiutato di partecipare alla riunione col capo della Casa Bianca a causa, sembra, dei continui cambi di data. 

Commenta Stampa
di Erika Noschese
Riproduzione riservata ©