Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

All'interno anche missili anticarro e missili Grad

Siria: Al Qaeda conquista un deposito di armi dell'esercito


Siria: Al Qaeda conquista un deposito di armi dell'esercito
03/08/2013, 12:28

QALDUN (SIRIA) - Nuovo attacco contro l'esercito regolare siriano. Questa volta l'attacco è stato condotto da forze fresche, appartenenti alle varie bande di Al Qaeda o comunque dell'estremismo islamico che stanno attaccando la Siria: il Fronte al-Nusra, Liwa al-Islam, il Battaglione al-Tawhid, Meghaweer e il Battaglione dei Martiri di Qalamon. Si tratta ormai dell'unico genere di truppe che gli Usa e la Turchia riescono a far affluire sul campo di battaglia dopo le numerose sconfitte subite. 
Ma l'attacco è stato condotto ad un obiettivo strategico: un deposito di munizioni dell'esercito regolare siriano, situato a Qaldun, 50 Km. da Damasco. Secondo quanto riferito dall'Osservatorio dei Diritti Umani in Siria (nome di copertura per un ex agente dei servizi segreti inglesi), nel deposito erano conservate, oltre a pistole, mitragliatrici, ed altre armi individuali, anche missili anticarro e missili terra-terra Grad, di fabbrciazione russa. E' facile immaginare che questi missili - potenti, ma con una scarsa capacità di mira - verranno ancora usati contro la popolazione civile. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©