Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Lega Araba esaminerà invio truppe entro il 22 gennaio

Siria, ancora un massacro di civili: 25 morti

Hague: Occidente non ha piano intervento militare

Siria, ancora un massacro di civili: 25 morti
15/01/2012, 19:01

Non si arresta il massacro di civili siriani ad opera delle forze di Bashar el Assad. L'odierno bollettino di sangue registra almeno 25 civili uccisi nelle due roccaforti della rivolta, Idlib a nord e Homs al centro. E' quanto riferiscono gli attivisti dei 'Comitati di coordinamento locali'.
La Lega Araba intanto fa sapere che esaminerà nel prossimo vertice del 22 gennaio la proposta avanzata ieri dal Qatar, potenza emergente tra i Ventidue, di inviare truppe arabe in Siria per porre fine alle violenze. Lo ha annunciato il segretario della Lega Araba, Nabil al-Arabi. "Tutte le idee meritano di essere discusse", ha dichiarato al-Arabi rispondendo alle domande dei giornalisti sulla proposta dell'emiro qatariota Sheikh Hamad bin Khalifa Al-Thani. Il capo della Lega Araba ha poi ha inviato una missione di osservatori che si concludera' il 19 gennaio. L'ex segretario generale dell'organizzazione, Amr Mussa, candidato alle presidenziali in Egitto, ha invece affermato che la proposta del Qatar "e' veramente importante", riferisce al Arabiya. "La Lega Araba dovrebbe iniziare a studiare questa ipotesi e iniziare delle consultazioni in materia", ha aggiunto Mussa.

HAGUE: OCCIDENTE NON HA PIANI DI INTERVENTO MILITARE -
L'Occidente non ha in programma un intervento militare immediato in Siria. Lo ha detto William Hague. Il ministro degli Esteri britannico ha escluso l'imposizione di una no-fly zone del tipo di quella istituita sulla Libia al tempo del conflitto nel paese nordafricano. "Nell'ambito del Consiglio di sicurezza non vi e' alcuna risoluzione con una prospettiva di questo genere", ha assicurato Hague, perplesso anche sulla possibilita' di un dispiegamento di forze di terra arabe suggerito dal Qatar.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©