Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Obama: "Le armi sono state usate, ma non sappiamo da chi"

Siria: "Aspettiamo indagini Onu su armi chimiche ad Aleppo"


Siria: 'Aspettiamo indagini Onu su armi chimiche ad Aleppo'
30/04/2013, 21:14

NEW YORK – “Stiamo ancora aspettando che la nostra richiesta affinché l’ONU indaghi sull’uso di armi chimiche ad Aleppo lo scorso 19 marzo venga ascoltata”. Lo ha affermato Bashar Jaafari, l’ambasciatore siriano, durante un incontro al Palazzo di Vetro. Il diplomatico ha denunciato di aver udito troppe “affermazioni false” relativamente al presunto utilizzo di armi chimiche e ha accusato l’ONU di “dare l’impressione che sia il governo siriano a non voler cooperare per lo svolgimento dell’indagine”. “Spero che il segretariato delle Nazioni Unite non sia parte di questa campagna contro la Siria”, ha aggiunto infine.

Mentre Jaafari insiste per una verifica sull’utilizza di armi chimiche da parte dei ribelli, Francia e Gran Bretagna, invece, hanno chiesto di aprire un’indagine sull’uso di armi chimiche da parte di Damasco. Ma l’ambasciatore siriano, adirato, ha respinto le accuse avanzate dai due paesi europei e ha definito “irrilevanti” le loro affermazioni. “Prima è necessaria un’inchiesta su quanto successo ad Aleppo; poi , se il governo, il Segretario generale e il Consiglio di Sicurezza riterranno necessarie altre indagini, allora potremmo considerare questa opportunità”, ha aggiunto Jaafari.

Sta di fatto che le armi chimiche sono state usate, ma non si sa ancora nulla con precisione. A riferirlo è stato il presidente americano Barack Obama. “Sappiamo che le armi chimiche in Siria sono state usate – ha detto il presidente –, ma non sappiamo ancora quando, da chi e dove. La prova che sono state usate armi chimiche cambierebbe tutto, farebbe rivedere tutta la gamma delle nostre risposte strategiche”.

Commenta Stampa
di Vanessa Ioannou
Riproduzione riservata ©