Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

La Tv siriana dice che è stato ucciso un capo di Al Qaeda

Siria: autobomba a Damasco, 40 morti, 7 sono bambini


Foto di archivio
Foto di archivio
26/10/2013, 10:03

DAMASCO (SIRIA) - Una autobomba è esplosa venerdì davanti ad una moschea a Suq Wadi Barada, nei pressi di Damasco. L'esplosione, pensata per colpire la folla che usciva dopo la funzione del venerdì, ha provocato 40 morti, di cui 7 sono bambini. A comunicarlo, il cosiddetto "Osservatorio dei diritti umani in Siria", un ufficio a Londra gestito da un ex agente dei servizi segreti inglesi di origine siriana. Nella notizia diramata alle agenzie di stampa e su cui non c'è stata alcuna verifica, è specificato che la zona è sotto il controllo dei "ribelli" e che quindi la bomba è stata messa dalle truppe lealiste. 
La Tv di Stato siriana ha annunciato di aver ucciso Abu Mohamed al-Golani, il capo del gruppo Jabath Al Nusra, uno dei gruppi di "ribelli" che agiscono in Siria e che fanno parte di Al Qaeda. Notizia smentita dai qaedisti e priva di qualsiasi possibilità di verifica indipendente. Tuttavia, secondo alcune fonti, sl Golani non sarebbe contattabile. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©