Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Intanto i repubblicani dicono sì alla guerra

Siria: Ban Ki Moon ferma Obama, "Attacco solo se lo dice l'Onu"

Aleppo assediata dai gruppi vicini ad Al Qaeda

Siria: Ban Ki Moon ferma Obama, 'Attacco solo se lo dice l'Onu'
03/09/2013, 19:33

WASHINGTON (USA) - Ban Ki Moon, Segretario Generale dell'Onu, ha invitato il presidente statunitense Barack Obama a non attaccare la Siria, senza l'ok del Consiglio di sicurezza; nel contempo però ha invitato lo stesso Consiglio di sicurezza a decidere quali misure prendere sulla vicenda siriana. 
Una doccia fredda, che segue il mezzo via libera che Obama aveva avuto dal Congresso. Infatti in mattinata lo speaker repubblicano della Camera aveva annunciato il sì del suo partito: "È necessario rispondere all'attacco con armi chimiche in Siria: solo gli Stati Uniti hanno la capacita di fermare Assad". 
Intanto in Siria la guerra continua. Secondo fonti locali, la città di Aleppo, la seconda  città del Paese, è stata cinta di assedio dall'esercito mercenario (quello che i giornali chiamano "i ribelli") e dal gruppo al- Djebhat Nosra, estremisti islamici vicino ad Al Qaeda. In alcune zone mancano farina, olio e altri generi alimentari di prima necessità. Questo perchè è stata conquistata dai ribelli la città di Khanasser, attraverso cui passano i rifornimenti per Aleppo. Hanno anche danneggiato i cavi elettrici e le condutture d'acqua, che arriva in città razionata e a momenti alterni. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©