Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

L'Unicef si sta mobilitando per garantire acqua pulita

Siria: bombardamento aereo uccide 6 bambini

Operazione per garantire risorse idriche alla popolazione

Siria: bombardamento aereo uccide 6 bambini
04/02/2013, 18:55

DAMASCO (SIRIA) - Un bombardamento aereo vicino Duma, a una quindicina di chilometri da Damasco, ha causato la morte di 6 bambini, secondo l'Osservatorio nazionale per i diritti umani in Siria. Le granate sono cadute nella località di Shifiniya. In altri attacchi della giornata si contano 40 persone uccise, di cui 24 civili, mentre ieri le vittime sono state 178.
Intanto è in corso in Siria una grande operazione per garantire l'accesso all'acqua pulita per più di 10 milioni di persone, cioè quasi metà della popolazione. E' quanto rende noto l'organizzazione umanitaria Unicef Italia. Ieri i primi quattro camion con 80 tonnellate di forniture di ipoclorito di sodio per trattamenti idrici hanno attraversato il confine dalla Giordania alla Siria, in direzione di Homs, Aleppo, Hama, Idleb. Nelle prossime settimane, l'organizzazione delle Nazioni Unite fornirà altre mille tonnellate di cloro per le città e per le comunità dei 14 governatorati in Siria. La preoccupazione per mancanza di acqua pulita è grande in Siria. Secondo l'Unicef, i 23 mesi di conflitto ha comportato distruzione di allacciamenti d'acqua, rifornimenti in tante città. La qualità e la quantità delle risorse idriche continua a deteriorarsi in diverse parti del Paese e in alcune zone fortemente colpite. L'Unicef sta supportando l'operazione e la manutenzione dei sistemi idrici, attraverso la distribuzione di aiuti e forniture per la clorazione. Insieme al Dipartimento tecnico del Ministero delle Risorse idriche e la Mezza Luna Rossa araba siriana, sta contribuendo a migliorare l'accesso ai servizi igienico-sanitari per mezzo milione di persone e sta fornendo kit igienici e di educazione all'igiene per 750 mila persone.

Commenta Stampa
di Emanuele De Lucia
Riproduzione riservata ©