Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Opposizione e governo si accusano reciprocamente

Siria: esplodono due autobombe, almeno 20 morti


Foto di archivio
Foto di archivio
28/11/2012, 09:44

DAMASCO (SIRIA) - Due esplosioni questa mattina hanno scosso la capitale siriana, Damasco. Erano due autobombe che, alle 6.30 ore locali (le 5.30 in Italia). Le bombe sono esplose in una zona abitata per lo più da drusi e cristiani, che in buona parte si sono schierati contro Assad, ma sono nell'obiettivo di Al Qaeda, che fa parte del cosiddetto Esercito Libero Siriano. 
Ed infatti le due partio si rinfacciano la responsabilità del duplice attentato: l'Osservatorio siriano dei diritti umani (Ong gestita da un ex agente del servizio segreto inglese e unica fonte a cui i mass media occidentali si rivolgono per avere informazioni dalla Siria) parla di 20 morti e decine di feriti e ne dà la colpa al governo di Assad; l'agenzia Sana, organo ufficiale del governo, ha parlato di un duplice attentato terroristico, senza specificare quante sono state le vittime. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©