Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Cala l'ultima maschera sulle vere intenzioni anti-Assad

Siria: gli Usa pronti a fornire equipaggiamenti ai "ribelli"


Siria: gli Usa pronti a fornire equipaggiamenti ai 'ribelli'
27/02/2013, 09:02

DAMASCO (SIRIA) - Cade anche l'ultima mascherata sulla operazione militare organizzata per deporre Bashir al Assad dal potere in Siria. Secondo quanto comunica il Washington Post, il governo americano si prepara a rifornire direttamente l'esercito mercenario che da tre anni lotta contro il governo siriano. Non armi, perchè di quello è ben fornito grazie ai finanziamenti del Qatar e alle forniture da Israele. Ma altri equipaggiamenti militari: giubetti antiproiettile, veicoli blindati, comunicazioni, ecc. Inoltre nei campi di addestramento in Turchia, che finora sono stati gestiti dalla società di contractors Blackwaters, potrebbero essere inviati istruttori militari, onde migliorare l'addestramento dei mercenari. 
Questa scelta ufficialmente è motivata dai troppi massacri di civili ad opera di Assad, e quindi con la volontà di stringere i tempi. Ma come motivazione è debole: appare più probabile che sia la necessità di non permettere che l'esercito siriano spazzi via i mercenari. E' in questa stessa ottica che nelle settimane scorse un ingente carico di missili controcarro sono stati acquistati dalla Cia in Croazia, pagati con denaro saudita e trasferiti in Siria con aerei giordani. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©