Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Gli Usa dichiarano di voler cacciare Assad

Siria: iniziata la conferenza di pace sotto i peggiori auspici


Siria: iniziata la conferenza di pace sotto i peggiori auspici
22/01/2014, 11:12

MONTREUX (SVIZZERA) - E' iniziata la conferenza di pace sulla Siria, la cosiddetta Ginevra 2. Il via è stato dato dal segretario dell'Onu, Ban Ki Moon, che ha chiesto alle parti l'apertura immediata di corridoi umanitari per quelle città dove gli scontri sono più violenti. 
Poi c'è stato l'intervento del vicepresidente John Kerry, che ha chiarito sin da subito le sue intenzioni. Infatti ha precisato che non ci sarà nessuna pace finchè Bashar al Assad non sarà stato estromesso dal potere. Inoltre ha accusato il presidente siriano di aver usato armi chimiche contro la popolazione civile (mentre tutti gli esperti hanno ormai convenuto che non è stato l'esercito regolare ad usare armi chimiche, ma i loro nemici, ndr). 
Poi è toccato al Ministro degli Esteri russo, Sergei Lavrov, che ha ricordato come anche l'Iran avesse il diritto di partecipare ai negoziati. Ha inoltre sottolineato come la Siria sia ormai diventata un centro del terrorismo internazionale, dato che i cosiddetti "ribelli" hanno grossi gruppi legati ad Al Qaeda all'interno.
E' toccato poi al Ministro degli Esteri Walid Muallem, che ha attaccato i presenti, sostenendo che "i rappresentanti di alcuni Stati seduti in questa stanza abbiano il sangue dei siriani sulle mani. Ci sono Paesi che vogliono esportare il terrorismo, usare i loro petroldollari per comprare armi e riempire i media internazionali di bugie. Ora la maschera è caduta e vediamo la vera faccia di coloro che vogliono distruggere la Siria". Ma Muallem ha sforato il tempo stabilito per il proprio discorso, e quando Ban Ki Moon l'ha richiamato, Muallem ha detto che voleva finire. Moon gli ha offerto 2 minuti ulteriori, ma il Ministro siriano ne ha pretesi 20. Un battibecco teso che ha divertito molto i giornalisti, ma che è la dimostrazione della preoccupazione con cui i siriani affrontano la conferenza di pace. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©