Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Prosegue offensiva dell'esercito di Bashar al-Assad

Siria: la città di Aleppo assediata, si teme un'ecatombe

Bilancio già drammatico: 168 morti, 94 dei quali civili

Siria: la città di Aleppo assediata, si teme un'ecatombe
29/07/2012, 09:37

ALEPPO – Ieri è iniziata la battaglia finale ad Aleppo, in Siria: definita “la madre di tutte le battaglie”.  Le truppe fedeli al presidente Bashar al-Assad, infatti, hanno   avviato la controffensiva, entrando nella zona sud occidentale della città. I violenti  combattimenti sono ripresi in mattinata ad Aleppo, secondo quanto riferisce l'osservatorio siriano dei diritti umani. Gli attivisti parlano anche di esplosioni, sentite chiaramente "quando l'aviazione ha sorvolato la città". Il bilancio della prima giornata di combattimenti è già drammatico: 168 morti, 94 dei quali civili. I dati sono stati diffusi  dall'osservatorio siriano dei diritti dell'Uomo. Secondo l'organizzazione delle 168 vittime, 94 erano civili, 33 ribelli e 41 soldati. Mentre sono già 4 le persone che hanno perso la vita oggi.

Nel frattempo il capo dell'opposizione siriana in esilio ha chiesto ai paesi "fratelli" ed amici di armare i ribelli in modo che siano in grado di affrontare le truppe del regime di Saddam Hussein.

"Noi ci aspettiamo da fratelli e amici un sostegno all'Armata siriana di Liberazione, un sostegno di qualità. Vogliamo armi che ci permettano di fermare i carri armati e gli aerei da combattimento delle truppe di Assad", ha dichiarato in una conferenza stampa ad Abu Dhabi Abdel Basset Sayda, presidente del Consiglio nazionale siriano, principale forza dell'opposizione.

Commenta Stampa
di Rosario Scavetta
Riproduzione riservata ©