Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Il vice ministro degli Esteri: “Bozza inaccettabile”

Siria: la Russia minaccia il veto sulla risoluzione Onu

Mosca fa sapere di voler presentare un proprio testo

Siria: la Russia minaccia il veto sulla risoluzione Onu
12/07/2012, 20:07

MOSCA – Il progetto di risoluzione sulla Siria presentato dai Paesi occidentali del Consiglio di Sicurezza Onu è “inaccettabile”: queste le parole del viceministro degli Esteri russo, Gennady Gatilov, che lascia ben intendere la nuova minaccia di Mosca, quella di un veto sulla risoluzione di fronte ad una eventuale approvazione in Consiglio. La bozza fissa un ultimatum di dieci giorni al presidente Bashar al-Assad, affinchè ordini il ritiro delle sue truppe e delle armi pesanti dalle città ribelli: in caso contrario, viene spiegato, Damasco sarà colpita da nuove sanzioni economiche e diplomatiche.
Ma la bozza, preannunciata da Usa, Gran Bretagna, Francia e Germania, viene bocciata da Mosca, che resta la migliore alleata della Siria di Bashar al-Assad: “Se decideranno per il voto debbono sapere che per noi il testo èinaccettabile, per cui non consentiremo che passi”, ha avvertito Gatilov. Russia e Cina avevano già bloccato al Consiglio di Sicurezza due risoluzioni dello stesso tono contro il regime di Assad lo scorso ottobre e a febbraio. L’opposizione russa è formalmente giustificata sempre con l’argomento dello “sbilanciamento” del testo del provvedimento perchè, “prevede obblighi solo per il governo siriano. Praticamente non è previsto nulla per i vincoli dell’opposizione”. La Russia, ha concluso il viceministro, intende presentare una sua bozza di risoluzione, che “rifletta l’effettiva situazione”, in Siria.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©