Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Il quartiere Salehddin di Aleppo il bersaglio

Siria: l'esercito regolare attacca la roccaforte dei ribelli


Siria: l'esercito regolare attacca la roccaforte dei ribelli
08/08/2012, 14:04

ALEPPO (SIRIA) - L'esercito regolare siriano ha deciso di puntare contro la roccaforte dei ribelli, il quartiere Salehddin di Aleppo. Nella notte sono iniziati i primi bombardamenti, mentre stamattina è iniziato l'attacco via terra. L'obiettivo è di dividere il quartiere a metà, per poi procedere all'eliminazione delle singole sacche di resistenza. 
Nei giorni scorsi l'esercito ribelle aveva già ritirato parte delle sue truppe da Aleppo, consci di non poter resistere ad un attacco diretto. L'esercito ribelle ha asserito di aver abbattuto un aereo e distrutto 5 carri armati, e ha accusato l'esercito regolare di aver ucciso almeno 12 civili. 
Intanto in una trasmissione sulla Tv di Mosca è apparso il generale russo Vladimir Petrovich Kujeev, che secondo i ribelli era stato ucciso alcuni giorni fa. Ovviamente la sua presenza smentisce la notizia data attraverso l'Osservatorio dei Diritti Umani in Siria. 
E a questo proposito, è interessante notare come il suddetto osservatorio (che si riduce al solo Osama Ali Suleiman, conosciuto anche come Rami Abdul Rahman) sia stato "scaricato", con una lettera aperta da un gruppo di giornalisti, scrittori ed attivisti che da molti anni vivono in Gran Bretagna e negli Usa. Nella lettera si specifica che Rahman è inattendibile in quanto non fornisce le fonti dalle quali ricava le notizie e quindi è inaffidabile. Oeccato che questa sia stata l'unica e sola fonte di tutti i giornali e le Tv italiane dell'ultimo anno per quanto riguarda la Siria. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©