Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

AL Qaeda ha accettato lo scambio con 153 detenuti

Siria: liberate le religiose rapite dalla città di Maalula


Siria: liberate le religiose rapite dalla città di Maalula
10/03/2014, 18:57

DAMASCO (SIRIA) - Dopo due mesi di prigionia sono state liberate le 13 suore rapite nella città cristiana di Maalula, in Siria, da esponenti di al-Nusra, gruppo legato ad Al Qaeda. La notizia, inizialmente smentita dal governo siriano, è stata poi confermata da una emittente satellitare libanese. 

La liberazione è riuscita grazie all'intervento di un mediatore del Qatar (uno dei Paesi che finanziano il gruppo al-Nusra) e alla collaborazione del Presidente siriano Bashar al Assad, che ha acconsentito alla liberazione di 153 detenuti. 

Le religiose erano state catturate a dicembre, dopo l'ennesimo attacco sferrato contro le città. Poi erano state trasferite ad Arsal, in Libano; e poi portate a Yabroud, in Siria. Infine rilasciate a Jdaydet Yabouss, sempre in Siria. Ora sono dirette verso la capitale Damasco.  

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©