Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Dopo il massacro di Hula

Siria, linea dura dell'Europa: espulsi ambasciatori siriani

Bilancio vittime drammatico, tante donne e bambini

Siria, linea dura dell'Europa: espulsi ambasciatori siriani
29/05/2012, 15:05

BRUXELLES - Linea dura dell'Europa, che si scaglia contro la Siria per il massacro di Hula. Con una azione coordinata e simultanea Roma, Parigi, Berlino e Londra hanno espulso gli ambasciatori siriani dai loro Paesi.
 Alcuni dei sopravvissuti a Hula hanno raccontato al personale delle Nazioni Unite che molte vittime della strage sono state uccise in esecuzioni sommarie compiute da milizie fedeli al presidente Bashar al-Assad. "La maggior parte delle vittime della strage a Hula, in Siria sono state uccise in esecuzioni sommarie in due differenti incidenti", ha annunciato un portavoce dell'Alto commissariato dell'Onu per i diritti umani Rupert Colville. Ma anche intere famiglie sono state sterminate nelle loro case e il bilancio di 108 vittime, secondo l'Onu, potrebbe purtroppo non essere definitivo. Rupert Colville, portavoce dell'Alto commissario Onu per i diritti umani, ha evidenziato quanto sia "atroce che circa la metà delle vittime siano bambini. E' totalmente imperdonabile", sottolineando anche l'alto numero di donne tra le vittime. Secondo il portavoce, "molti dei decessi di cui siamo a conoscenza finora riguardano una zona di Hula, Taladau, ma ci sono informazioni su altri decessi. Ci vorrà tempo per essere assolutamente sicuri sul numero di persone uccise". Domani intanto spetterà a Jean-Marie Guehenno, uno dei due vice del mediatore internazionale per la Siria Kofi Annan, fare rapporto sulla situazione al Consiglio di sicurezza dell'Onu.

KOFI ANNAN: GRAVE PREOCCUPAZIONE - L'inviato speciale della comunità internazionale sulla crisi in Siria Kofi Annan ha trasmesso oggi al presidente Bashar al-Assad "la grave preoccupazione della comunità internazionale" per la violenza in Siria ed il massacro di Hula. "In termini schietti", Annan ha detto al presidente siriano che il piano di pace in sei punti "non può avere successo senza passi coraggiosi per fermare la violenza e liberare i prigionieri" .

CIRCA 25MILA EUROPEI IN SIRIA -
Nel caso sia necessario effettuare l'evacuazione degli europei presenti in Siria, le persone coinvolte sono circa 25mila. Questa la stima fornita oggi da Agostino Miozzo, capo del 'crisis response and operational coordination' della Ue, nel corso della sua audizione in commissione difesa al Parlamento europeo.

Commenta Stampa
di GB
Riproduzione riservata ©