Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Deciso inasprimento sanzioni della Ue contro Damasco

Siria: l'opposizione accusa Assad di aver fatto giustiziare 20 persone


Siria: l'opposizione accusa Assad di aver fatto giustiziare 20 persone
23/07/2012, 10:18

DAMASCO (SIRIA) - Continuano le denunce della cosiddetta opposizione al presidente siriano Bashir al Assad: l'ultima riguarda l'asserita fucilazione di una ventina di persone, accusate di aver aiutato i ribelli. Secondo quanto riferito, le persone sarebbero state portate nella moschea di al Mustafa da vari quartieri della città e qui uccise a colpi di pistola. Sempre secondo l'opposizione, uno di questi sarebbe stato colpito da 18 proiettili (difficile da credere, a meno che non è stato colpito contemporaneamente da una decina di persone contemporaneamente, come è successo spesso negli Usa, con nugoli di poliziotti che sparano verso persone disarmate, ndr). I cadaveri avrebbero segni di fratture alle dita, segno che sono stati torturati; qualcuno è stato sgozzato e non fucilato. 
Il MInistro degli Esteri italiano, Guido Terzi di Santagata, ha dichiarato che si tratta di pulizia etnica.
Intanto l'Unione Europea ha deciso un inasprimento delle sanzioni contro la SIria: saranno possibili ispezioni e controlli su ogni velivolo o nave diretto verso Damasco. Inoltre alla lista nera di coloro a cui sono stati congelati i beni e bloccati i visti, sono stati aggiunti altri 26 nomi, tutti di personalità considerate vicine ad Assad. 
Intanto continuano le minacce statunitensi contro la Siria da parte degli Usa. L'ultima è stata quella del portavoce della Casa Bianca Jay Carney, che ha detto che verrà considerato il governo siriano responsabile dell'eventuale uso di armi chimiche sulla popolazione civile; armi chimiche che, secondo Carney, il regime di Assad tiene nascoste. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©