Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Il segretario generale discute sull'utilizzo a Damasco

Siria: Nato, uso di armi chimiche inaccettabile

Uso armi chimiche minaccia pace e sicurezza internazionale

Siria: Nato, uso di armi chimiche inaccettabile
28/08/2013, 17:20

ROMA-  Ogni utilizzo di armi chimiche ''e' inaccettabile e non puo' restare senza una risposta''. E' ciò che scrive il segretario generale della Nato, Anders Fogh Rasmussen, in un comunicato diffuso durante la riunione del Consiglio nord atlantico sulla Siria che ha discusso "in particolare sull'orribile utilizzo di armi chimiche nei pressi di Damasco il 21 agosto".

''Condanniamo nei piu' duri termini possibili - prosegue il numero uno dell'Alleanza atlantica - questi attacchi oltraggiosi che hanno causato ingenti perdite umane''. Gli alleati della Nato ''esprimono il pieno sostegno alle indagini Onu in corso. Deplorano - si legge ancora nel comunicato - che il regime siriano abbia mancato di fornire agli ispettori delle Nazioni unite l'accesso immediato e sicuro ai siti degli attacchi''.

''Il regime siriano - continua Rasmussen - mantiene scorte di armi chimiche. Le informazioni disponibili da una serie di fonti differenti identificano il regime siriano come responsabile dell'utilizzo di armi chimiche in questi attacchi''. Circostanza, questa, che rappresenta ''una chiara violazione delle consolidate norme e prassi internazionali.

Ogni uso di tali armi - afferma il segretario generale della Nato - e' inaccettabile e non puo' restare privo di risposta. I responsabili di cio' devono risponderne''. La Nato ''considera l'uso di armi chimiche come una minaccia alla pace e la sicurezza internazionale'', ribadisce Rasmussen. ''Continueremo - aggiunge - a consultarci e a mantenere sotto stretto controlllo la situazione in Siria e la Nato continuera' ad assistere la Turchia e proteggere il confine sud-orientale dell'Alleanza'' conclude il segretario generale.

Commenta Stampa
di Flavia Stefanelli
Riproduzione riservata ©