Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Cresce il timore sulle armi chimiche di Assad

Siria, nuove sanzioni Ue: embargo commerciale sui diamanti

Il 12esimo pacchetto: l’approvazione a fine mese

Siria, nuove sanzioni Ue: embargo commerciale sui diamanti
11/02/2012, 09:02

BRUXELLES - Si sta mettendo a punto un nuovo pacchetto di sanzioni per la Siria. Un’intesa tra i 27 membri della Ue al riguardo non è stata ancora raggiunta (si dovrà attendere la fine del mese per avere notizie ufficiali), ma circolano alcune voci su quelli che saranno alcuni punti contenuti nel pacchetto e sui quali i membri rappresentanti dell’Unione europea stanno discutendo: si tratta dell’embrago commerciale dei voli da e per la Siria e dello stop al commercio dei metalli preziosi e diamanti.
Sul primo punto non tutti sembrano essere d’accordo, perché si fa strada l’ipotesi che l’interdizione di tutti i voli possa danneggiare le operazioni di evacuazione dei cittadini europei, qualora si rendessero necessarie. Sul secondo punto, invece, ci sarebbe già il pieno accordo: si crede, infatti, che l’imposizione di un embargo commerciale dei metalli preziosi e diamanti possa limitare in maniera consistente il finanziamento del regime di Damasco. Restano da precisare meglio, invece, le misure contro la Banca centrale siriana: la Ue vuole intervenire in materia, ma senza tagliare tutte le transazioni, perché l'obiettivo è sempre quello di non danneggiare il popolo, ma solo il regime. Quando sarà ultimato e approvato, questo sarà il dodicesimo pacchetto di sanzioni contro la Siria.
Intanto, fa discutere e crea non pochi timori l’arsenale di cui dispone il presidente Bashar al-Assad: questo comprenderebbe anche “agenti chimici letali”. A rivelarlo sono fonti statunitensi al Washington Post. Secondo alcune fonti starebbe diventando sempre più concreta l’ipotesi che il presidente Assad ricorra a queste risorse. Proprio per questo le organizzazioni che gestiscono i campi profughi siriani hanno dotato i loro ospiti di maschere antigas. Per gli esperti la Siria sarebbe in possesso dell’arsenale chimico più vasto al mondo, composto da decine di tonnellate di agenti chimici letali, centinaia di missili Scud e altri razzi.

Commenta Stampa
di Antonio Formisano
Riproduzione riservata ©