Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

È la personalità più in vista che abbandona il regime

Siria, nuovo colpo per Assad: il premier fugge in Giordania

Riyad Farid Hijab: “Nel paese è in corso un genocidio”

Siria, nuovo colpo per Assad: il premier fugge in Giordania
06/08/2012, 18:30

DAMASCO - Nuovo e duro colpo per il presidente siriano Bashar al-Assad, abbandonato questa volta dall’ormai ex Primo Ministro Riyad Farid Hijab, che ha deciso di fuggire dal Paese per rifugiarsi in Giordania. Questa nuova defezione giunge dopo quella, nelle scorse settimane, di almeno 27 generali e tre diplomatici originariamente appartenenti alla squadra di Assad, che hanno poi deciso di lasciare da solo il proprio presidente. Ma quello del premier  Riyad Farid Hijab è forse l’abbandono di uno degli esponenti più in vista del regime siriano.

A confermare la notizia della sua fuga sono state diverse fonti, tra le quali gli stessi servizi segreti di Amman, per il quali l’ex premier avrebbe lasciato la Siria non solo accompagnato dai suoi familiari, ma anche da altri due ministri e da tre ulteriori ufficiali delle Forze Armate. Sarebbe stato lo stesso Hijab, inoltre, a far sapere di aver preso tale decisione già “da diversi mesi”, denunciando un vero e proprio “genocidio” perpetrato da Damasco.

Per i ribelli, la fuga del premier altro no è che la riprova di come il regime di Bashar al-Assad si stia “disintegrando” e si avvii a crollare: “E' l’inizio della fine”, ha commentato Abdel Basset Sayda, portavoce del Consiglio Nazionale Siriano, principale cartello delle forze di opposizione. “Non ci sono più scuse per rimanere a bordo della nave criminosa del regime”, ha ammonito. Intanto, sul terreno il regime di Bashar al-Assad continua incessantemente a martoriare Aleppo e, secondo l’opposizione, si è macchiato dell’ennesima strage ad Harbnafsa, località nella provincia centrale di Hama, dove quaranta civili sono stati uccisi e altri 120 feriti.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©