Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

l'invito è di fare il possibile per rispettare gli impegni

Siria: Onu conferma e sostiene il piano di Annan

La scadenza è prevista per il 10 aprile

Siria: Onu conferma e sostiene il piano di Annan
05/04/2012, 17:04

NEW YORK - Approvato, dal Consiglio di Sicurezza dell’Onu, una dichiarazione nella quale viene resa esplicita la richiesta, al regime siriano, di rispettare la deadline fissata al 10 aprile. La data sarebbe quella fissata per la fine dell’offensiva militare ed il ritiro delle truppe dai centri abitati.
Le sollecitazioni, che vengono esplicitate nel documento, sono rivolte al governo siriano invitato a “realizzare urgentemente e visibilmente gli impegni assunti”. A dichiararlo nel testo sono i 15 membri del palazzo di vetro che evidenziano  come il documento appoggi punto per punto il piano di pace stilato dall’inviato di Onu e Lega Araba,Kofi Annan.
Viene richiesto, nel testo, “ a tutte le parti, inclusa l'opposizione, la fine della violenza armata, in tutte le sue forme, entro 48 ore” dalla scadenza del 10 aprile.
 Fonti diplomatiche riferiscono che il Consiglio di Sicurezza Onu ha raggiunto un accordo su una dichiarazione che sollecita la Siria a  rispettare la scadenza del 10 aprile per il cessate il fuoco nel Paese. La scadenza in questione è quella già prevista dal piano di pace stilato dall’inviato di Onu e Lega Araba, Kofi Annan e accettato da Damasco formalmente.
Nonostante il testo contenga contenuti chiari ed espliciti, il regime ha fatto intendere, nella giornata di oggi, di non sentirsi vincolato ad alcuna data precisa per il completamento ed il ritiro delle proprie truppe.
In tanto il testo contenente la dichiarazione che  sollecita il governo siriano a realizzare urgentemente e visibilmente gli impegni assunti, come affermano altre fonti, dovrebbero essere approvato oggi.

Commenta Stampa
di Alessia Tritone
Riproduzione riservata ©