Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

Sono due gli ostaggi italiani nelle mani degli estremisti

Siria: prete italiano catturato dai "ribelli" di AL Qaeda


Il prete Paolo Dall'Oglio, rapito
Il prete Paolo Dall'Oglio, rapito
30/07/2013, 09:08

DAMASCO (SIRIA) - Paolo Dall'Oglio, prete gesuita che vive da 30 anni in Siria, è stato rapito da uno dei gruppi di Al Qaeda che fanno parte dell'esercito mercenario che da tre anni sta mettendo a ferro e fuoco la Siria. Non è bastato il fatto di aver sempre incitato la gente contro il regime di Bashar al Assad, a salvare Dall'Oglio dall'odio religioso degli estremisti islamici. 
La Farnesina ha detto di aver avviato le verifiche, ma l'Ansa conferma che padre Dall'Oglio non risponde nè al telefono in Siria nè in Italia.
Il prete era stato espulso dal Paese dalle autorità siriane proprio per i suoi comportamenti considerati contro il governo.  E così ha deciso di rientrare clandestinamente usando i canali di accesso che dal Libano del nord e dalla Turchia usano i mercenari (quelli che sui giornali vengono chiamati "ribelli"). Un po' come fece il giornalista della Stampa Domenico Quirico. E come QUirico, Dall'Oglio è stato catturato da quelle stesse persone che aveva pagato per entrare in Siria. 

Commenta Stampa
di Antonio Rispoli
Riproduzione riservata ©