Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

L’Onu denuncia: “Vera e propria emergenza umanitaria”

Siria, si combatte ad Aleppo: 200mila profughi in fuga

I ribelli conquistano checkpoint al confine con la Turchia

Siria, si combatte ad Aleppo: 200mila profughi in fuga
30/07/2012, 18:17

DAMASCO - Si aggrava la situazione ad Aleppo, in Siria, dove l’Onu denuncia una vera e propria emergenza umanitaria. La città, divenuta la roccaforte dell’Esercito siriano libero, è sempre più sotto assedio e continuano gli scontri tra le forze filo governative e i ribelli. Un continuo combattimento, che va avanti ininterrottamente da sabato scorso, e che conta già centinaia di morti. In città gli scontri si sono concentrati soprattutto nel distretto sudoccidentale di Salaheddin: il regime afferma di aver “purgato” la zona, ma i ribelli lo hanno smentito. L’opposizione ha annunciato, invece, la presa, dopo “10 ore di battaglia”, del checkpoint di Anadan, ritenuto strategico poiché in grado di assicurare libertà di movimento da Aleppo verso la vicina Turchia.

Dato allarmante, al di là degli scontri a fuoco, è che, secondo le stime fornite dall’Onu, nelle ultime 48 ore circa 200mila profughi sono fuggiti dalla città e un numero imprecisato di civili rimane invece intrappolato in rifugi di fortuna, senza cibo né acqua potabile. “Si stima che siano tra i 50.000 e i 100.000 i rifugiati dalla Siria che si disperdono in Libano”, ha spiegato al riguardo  il ministro della Difesa italiano, Giampaolo di Paola.

 Intanto, il Libero Esercito Siriano (Les) ha diffuso “una bozza di salvezza nazionale”, con una roadmap politica che prevede, fra l’altro, un consiglio di sei militari e sei civili incaricati di guidare la transizione post-Assad. Quanto sta accadendo in Siria suscita lo sdegno della comunità internazionale: la Francia, che il 1 agosto assumerà la presidenza del Consiglio di Sicurezza dell’Onu, ha infatti annunciato la convocazione di una riunione urgente a livello ministeriale. Anche Ankara prosegue la sua mobilitazione, schierando lungo il confine con la Siria truppe, batterie missilistiche e blindati.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©