Dal mondo / Asia

Commenta Stampa

Siria, strage a Daraya: trovati centinaia di cadaveri

Nessuna rivendicazione, da martedi continuano gli scontri

Siria, strage a Daraya: trovati centinaia di cadaveri
27/08/2012, 09:35

Sono circa 320 corpi, tra giovani, donne e bambini. Cadaveri ritrovati all’interno a sudovest di Damasco, alle porte di Daraya, segno di uno dei momenti più sanguinosi della Siria. Ancora non è chiaro chi abbia potuto compiere le stragi, avvenute con molta probabilità nella giornata di sabato. Tra i corpi, secondo immagini e video che sono stati diffusi sul web, ci sono anche quelli di neonati e bambini colpiti alla testa. La strage è il risultato di quanto sta avvenendo da martedì scorso, ovvero da quando è iniziata l’offensiva dei militari che intendono cacciare via i miliziani ribelli. Su quanto sta accadendo è intervenuto anche il presidente Bashar el Assad: “Il popolo siriano non permetterà agli stranieri che complottano contro la Siria di vincere. Quanto sta accadendo non è solo rivolto contro la Siria ma è contro l'intera regione, perché nella regione la Siria è una pietra miliare e le forze straniere la prendono di mira per portare a termine un complotto in tutta l'area". Il presidente Assad precisa che la Siria continuerà nella sua strategia di resistenza. Intanto è riapparso anche il vice presidente Faruk al Sharaa, che ha partecipato ad un incontro diplomatico a Damasco, smentendo qualsiasi dubbio sulla sua fuga in Giordania.

Commenta Stampa
di Maria Grazia Romano
Riproduzione riservata ©