Dal mondo / Medioriente

Commenta Stampa

La Croce Rossa ritira parte del proprio personale straniero

Siria: tensione ad Aleppo. Ci si prepara allo scontro finale

Nuovo smacco per Assad: deputata siriana fugge in Turchia

Siria: tensione ad Aleppo. Ci si prepara allo scontro finale
27/07/2012, 16:20

DAMASCO - Cresce la tensione in Siria, ed in particolar modo ad Aleppo, per quella che è stata ribattezzata come la “madre di tutte le battaglie”, ovvero lo scontro finale. Proprio nella città settentrionale, infatti, si sono radunate nelle scorse ore, e stanno continuando a farlo, le truppe del regime e le forze armate dell’opposizione: i ribelli, che hanno già preso il controllo di alcune strade, hanno ammassato alle porte di Aleppo circa tremila uomini armati, che si aggiungono a quelli già presenti in città. Altrettanto ha fatto il governo del Paese. Il regime di Bashar al-Assad, secondo il racconto di diversi organi di stampa, sembrerebbe in difficoltà: lo dimostrerebbe il fatto che, nonostante la netta superiorità di forze e mezzi dei lealisti, continua a far attendere la più volte annunciata “battaglia finale” per la presa del più importante centro economico della Siria.

La situazione nel Paese è di drammatico peggioramento delle condizioni di sicurezza: ciò ha indotto il Comitato Internazionale della Croce Rossa a ritirare una parte del proprio personale di origini straniere, che sarà temporaneamente trasferito a Beirut. Lo ha annunciato un portavoce dell’organizzazione umanitaria, Hicham Hassam, precisando che “un nucleo di espatriati e di cittadini siriani continuerà comunque a operare a Damasco”. Quanto alla locale Mezzaluna Rossa, ha aggiunto Hassan, è stata costretta a sospendere parzialmente le sue attività ad Aleppo, assediata e bombardata dalle forze governative: la sospensione, ha precisato, riguarda in particolare il servizio ambulanze e il lavoro volontario di pronto soccorso.


UNA DEPUTATA SIRIANA SCAPPA IN TURCHIA

Nuovo insuccesso per le autorità di Damasco: Ikhlas al-Badawi, una deputata eletta al Parlamento siriano in rappresentanza della provincia settentrionale, della quale Aleppo è il capoluogo, è fuggita in Turchia. Si tratta di un vero e proprio smacco, trattandosi del primo parlamentare che diserta e lascia il Paese.

Commenta Stampa
di Redazione
Riproduzione riservata ©